Colonia di Camponotus lateralis: aggiornamento

by Ivan Berdini on

Sono passati ormai due mesi dalla fondazione della mia colonia di Camponotus lateralis, come si è evoluta nel frattempo?

AntWeb.org image of Order:Hymenoptera Family:Formicidae Genus:Camponotus Species:Camponotus lateralis Specimen:casent0080857 View:profile

Operaia di Camponotus lateralis conservata in collezione

Nel corso di questi due mesi circa, la colonia ha continuato a svilupparsi mostrando un certo incremento nel numero di operaie. Attualmente ne sono presenti undici, la dodicesima è deceduta pochi giorni fa probabilmente per senesceza (doveva essere la prima nata). Oltre alle operaie, sono presenti anche cinque pupe nei bozzoli, alcune larve e varie uova.

Può sembrare un numero esiguo, ma è normale per questa specie che non è caratterizzata da un rapido sviluppo demografico e che, anzi, tende a costituire colonie abbastanza piccole. Tale caratteristica la rende molto adatta all’allevamento in cattività. Finora sono state nutrite con insetti catturati  in giro (le zanzare sono ottime, in quanto piuttosto molli e decisamente abbondanti in estate) e con acqua zuccherata somminstrata su batuffoli di ovatta, che ha lo scopo di impedire alle formiche di invischiarsi o di morire affogate.

dsc07684

Qui sopra si può vedere come le ho sistemate: al centro si vede il batuffolo col quale somministro l’acqua zuccherata, mentre sullo sfondo c’è una provetta piena d’acqua la cui presenza ha lo scopo di regolare l’umidità dell’aria all’interno del contenitore. I due pezzi di legno marcescente in primo piano sono il materiale nel quale le formiche hanno ricavato al loro colonia, per la precisione la regina e la covata si trovano in una cavità sotto il frammento sulla destra.

dsc07704

Ed ecco come appare la colonia sotto il framento di legno: si vedono svariate operaie, quattro pupe e alcune uova, insieme alla grande regina (quella macchia scura sulla sinistra).

Per questa volta è tutto. Mi rendo conto che ultimamente le pubblicazioni siano piuttosto scarse, ma purtroppo ho numerosi impegni nella vita reale che assorbono la gran parte del mio tempo. Tuttavia dalla metà di ottobre dovrei avere un periodo più tranquillo e quindi le pubblicazioni torneranno sicuramente più frequenti.

Written by: Ivan Berdini

Naturalista, divulgatore scientifico e appassionato di fotografia.