Il settantesimo anniversario dello sbarco in Normandia

Oggi, 6 giugno 2014, cade il settantesimo anniversario dello sbarco in Normandia, l’operazione con cui gli Alleati avviarono la liberazione dell’Europa dal nazifascismo il 6 giugno 1944. Fu lo sbarco più imponente della storia dell’Umanità.

Un mezzo da sbarco del tipo usando durante lo sbarco (Di Conseil Régional de Basse-Normandie / National Archives USA – http://www.archivesnormandie39-45.org/specificPhoto.php?ref=p012547, Pubblico dominio, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=8024273)

L’operazione Overlord, questo era il suo nome in codice, vide Stati Uniti d’America, Regno Unito e Canada, più alcune divisioni francesi, cecoslovacche e polacche, coordinarsi per sbarcare nel nord della Francia.

I nazisti avevano fortificato la costa francese con la costruzione del Vallo Atlantico, concentrando la maggior parte delle truppe a Calais, che è il punto più vicino alla costa inglese e il più logico per un attacco. Gli Alleati sfruttarono l’effetto sorpresa e sbarcarono in Normandia, ma il prezzo fu elevatissimo: furono migliaia i caduti, già dalle prime ore.

Per un’idea delle dimensioni del numero di caduti consiglio di guardare qui.

Lo sbarco in Normandia è un evento importantissimo della nostra storia, infatti se non avesse avuto successo l’epilogo della Seconda Guerra Mondiale sarebbe potuto essere molto diverso da quello che conosciamo.